Supporto del metabolismo articolare in caso di osteoartrite

Barattolo da 20 compresse € 22,90

Barattolo da 40 compresse € 40,40

Mangime complementare dietetico destinato a particolari fini nutrizionali per cani

Composizione

Glucosamina (Chitosamina) (da tessuti animali), Sali di acidi grassi da Olio di Lino (Acido α-linolenico), Solfato di Condroitina (*csBbioactive), Fosfato dicalcico, Sottoprodotti di maiale, Zucchero, Lieviti [Lievito di birra], Sottoprodotti di origine vegetale, Magnesio stearato, Olio di pesce

ADDITIVI PER KG: Stabilizzanti: Cellulosa microcristallina E460 mg 111.300 – Gomma Guar E412 mg 30.000 – Antiagglomeranti: Silice colloidale E551b mg 9.000 – Vitamine: Vitamina E 3a700 UI 6.250 – Oligoelementi: 3b503 Solfato manganoso, monoidrato – Manganese mg 1.040 – Conservanti, Antiossidanti

In ogni compressa:

Glucosamina (Chitosamina) da tessuti animali                           500 mg
Solfato di Condroitina (*csBbioactive)                                          400 mg

Link utili

Uso corretto

CONFIS Start è un mangime complementare dietetico per cani adulti e cuccioli, formulato per il supporto del metabolismo articolare in caso di osteoartrite.

Somministrare CONFIS Start direttamente in bocca o miscelare alla consueta razione alimentare secondo le seguenti quantità:

Cani 0-10 kg 1/2 compressa
10-20 kg 1 compressa
20-30 kg 1 + 1/2 compresse
30-40 kg 2 compresse
oltre 40 kg 2 + 1/2 compresse

Periodo di impiego raccomandato: inizialmente fino a 3 mesi. Si raccomanda di chiedere il parere di un veterinario prima dell’impiego o prima di prolungare il periodo di impiego. Si consiglia di effettuare cicli di somministrazione ogni 3/6 mesi per almeno 6/8 settimane, secondo il peso del cane, per ottener il previsto beneficio sul metabolismo articolare. Le compresse possono essere somministrate in un’unica quantità giornaliera.

APPROFONDIMENTO BIBLIOGRAFICO E BROCHURE

ACCESSO VETERINARI

L’OSTEOARTRITE

L’Osteoartrite (OA) è la più comune artropatia dei mammiferi, gatto incluso, e si stima colpisca oltre il 20% di tutti i cani al di sopra di 1 anno di età; essa rappresenta la principale causa di dolore e zoppia nel cane. Sebbene riscontrabile in animali di qualsiasi età, la sua incidenza aumenta con l’età del cane, in particolare con l’età senile. Circa il 45% dei cani di grossa taglia soffre di OA e alcune razze, quali Pastore tedesco e Labrador retriever, appaiono geneticamente predisposte per lo sviluppo di questa patologia. Inoltre, i cani di razza grande o gigante possiedono una elevata incidenza di patologie ortopediche d’accrescimento che possono portare a OA negli stadi più avanzati. L’OA è una malattia degenerativa caratterizzata da dolore cronico, il meccanismo con cui esso compare non è ancora completamente chiarito, anche se si pensa che esso derivi dalla stimolazione dei nocicettori presenti a livello di membrana sinoviale, capsula articolare, legamenti intra e periarticolari, e osso subcondrale (Macias Ldo 2010). I nocicettori sono attivati da mediatori proinfiammatori quali prostaglandine, leucotrieni e radicali liberi (ossido nitrico).

VAI ALL’APPROFONDIMENTO

TI POTREBBE ANCHE INTERESSARE